skip to Main Content
7 Errori Da Evitare Per Creare Una Brochure Aziendale Di Successo

7 errori da evitare per creare una brochure aziendale di successo

Pensi che la tua azienda possa fare a meno di una brochure aziendale? Anche se il mondo digital offre numerose piattaforme e strumenti di marketing, la brochure resta un potente strumento di branding. Non sei convinto? Eppure una brochure rende i tuoi prodotti o servizi più reali.  Una brochure è molto di più di opuscolo informativo: lì sono raccolte le tue idee, c’è ingegno e creatività, ci sono mission e vision della tua azienda, quelli che ti permetteranno di guardare lontano e raggiungere la vetta: conquistare clienti.

Ma non tutte le brochure aziendali riescono a trasformarsi da semplice plico informativo a potente strumento di marketing. Perché? Semplice, ideare una brochure efficace richiede tempo e, soprattutto, bisogna stare attenti a non cadere in errori banali.

Ecco 7 errori che devi assolutamente evitare se vuoi avere successo con la tua brochure aziendale.

#1 Voler vendere tutto a tutti

Ci risiamo. Qual è il primo errore? Voler vendere tutto a tutti. È l’errore più frequente quando si progetta una brochure aziendale: meglio concentrarsi su una nicchia, altrimenti rischierai di non cavare un ragno dal buco. Quindi, prima di pensare al design e alla veste grafica, riparti dai tuoi obiettivi di marketing: dove vuoi arrivare? A chi vuoi comunicare? Quale messaggio vuoi veicolare? Il nostro consiglio è di creare una brochure per ogni obiettivo. Vuoi lanciare un prodotto o servizio nuovo? Vuoi creare una brochure per presentare al meglio la tua azienda? Hai bisogno di una brochure per comunicare il prossimo evento aziendale?

Non puoi in una solo brochure parlare della tua azienda, dei valori di mission e vision o dei tuoi prodotti o servizi, devi riflettere e metterti degli obiettivi specifici, avere uno scopo reale. Allora sì, che la tua brochure sarà un successo.

 

#2 Troppo ego non fa bene alla tua brochure

Scrivere di quanto è forte la tua azienda, usare un tono autoreferenziale è l’errore che commettono tutti gli imprenditori che si fanno prendere da manie di protagonismo. Perché hai creato la brochure? Per te? Per compiacerti? I clienti vogliono essere coinvolti, non annoiati da cifre e statistiche. Una brochure troppo dettagliata si rivelerà un grande flop.

Ricordati di mettere il tuo pubblico sempre al centro della tua strategia di marketing, qualunque cosa capiti. Focalizzati sulle sue esigenze e i suoi bisogni. Offri informazioni di valore, soluzioni e vantaggi per il cliente.

 

#3 Layout confuso

Il design è fondamentale per catturare lo sguardo del cliente. Pensa ad una brochure zeppa di riquadri di testo casuali e grafiche di tutte le forme e dimensioni, un caos vero? I tuoi contenuti saranno caotici e senza una vera organizzazione di base. Il cliente si sentirà disorientato, e non saprà cosa guardare. Quindi, è fondamentale che il tuo layout sia in linea con i contenuti. Invece di affollare la tua brochure di elementi grafici, che non faranno altro che allontanare il cliente, mantieni gli spazi bianchi per dividere le sezioni di testo: no ai blocchi di testo. Aria. Un contenuto per creare engagement deve essere, anzitutto, bello da vedere.

Ricorda: la semplicità è la più grande sofisticatezza.

#4 Font che distraggono dal contenuto

Eccoci al quarto errore, quello che segnerà il successo o il fiasco della tua brochure: la font.

Scegliere una font è una cosa seria, anche se molti la sottovalutano. Come scegliere il tipo di carattere giusto? Ci sono alcune cose che dovresti tenere a mente:

  • Scegli una font leggibile. A che serve il tuo contenuto se nessuno lo legge? Se devi strizzare gli occhi per leggerlo o passare le ore per decifrare una lettera da un’altra, allora non è la scelta giusta.
  • Non usare troppe font. Il nostro consiglio è di scegliere massimo due font che siano complementari. Ok, il contrasto, ma i due tipi di carattere non devono mai entrare in conflitto. Perché? Prova a pensare ad una brochure che utilizza Times New Roman e Comic Sans. Tremendo, vero?
  • Evita di usare troppe dimensioni diverse di caratteri. Tutto deve essere coerente e omogeneo.

#5 Brand identity non allineata

Una brochure aziendale è uno strumento potentissimo di branding, quindi il layout deve essere in linea con i tuoi elementi di marca. Mantieni sempre gli stessi colori, loghi e dimensioni di carattere, sulla tua brochure, sul tuo sito e sulle pagine dei social network.

Non cambiare mai questi elementi, sono la forza della tua brand identity, ed il pubblico deve essere in grado di riconoscerti. Pensa se la Coca-cola cambiasse la sua firma rossa con un rosa shocking, che cosa succederebbe?

# 6 Usare immagini di scarsa qualità

Una brochure aziendale è composta da tantissime informazioni, le immagini hanno lo scopo di metterle in risalto. Stai attento nella selezione delle immagini: evita pixelate, foto sgranate o a bassa risoluzione. Pensa a delle immagini accattivanti su misura per i tuoi contenuti.

Non sai dove trovare delle immagini gratuite per la tua brochure? Prova con Pixabay, Pexels e Unsplash, trovi una selezione vastissima di foto ed immagini.

#7 Non solo una brochure su carta

Essere al passo con i tempi è importante anche quando devi realizzare una brochure. Hai solo una brochure aziendale su carta? Bene, ma non benissimo. Perché non pensare anche ad una brochure digitale? Lo sai che i clienti amano sfogliare documenti online, perché i contenuti sono più facili da fruire. Inoltre, con una brochure online risparmi denaro e tempo, e hai la possibilità di condividere la tua brochure sui social media e acquisire traffico di qualità sul tuo sito.

Ti abbiamo convinto? Ora sai cosa non devi fare per avere una brochure che non fa acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top